FACEBOOK: L'AMICIZIA, I GRUPPI E STRONZATE VARIE

abbatefabook

Stavo facendo una riflessione su facebook e mentre mi ponevo qualche domanda, nella mia pagina di youtube clicco su un  video di Teledurruti, dove Fulvio Abbate si chiede se esiste davvero l’amicizia dentro facebook. Avendo molti amici si chiede tra i suoi “contatti” qualcuno sarebbe disposto ad andare in farmacia nel caso ne avesse il bisogno.

Io ci andrei caro Fulvio, è vero no n ci caghiamo molto su facebook, ma se davvero tu necessitassi di un clistere verrei volentieri fino a monteverde. Chissà davvero quanti lo farebbero e quanti tra i miei amici facebook qualcuno mi verrebbe in “soccorso” in caso di bisogno.La questione è davvero interessante.

Prima di aprire il video stavo pensando all’uso sconsiderato del social network, un uso secondo me, che a volte può essere dannoso.

Se apro la mia home trovo una sfilza di cazzate in mezzo alle quali devo fare fatica a trovare un messaggio o una notizia interessante pubblicata da qualche amico o amica.

Ecco allora che viene in aiuto la funzione “Nascondi”. Così se voglio nascondere Fulvia Abbate la levo e non vedrò apparire mai i suoi post nella mia pagina e inoltre mi risparmio anche lo spavento che mi causano i suoi capelli verdi e fluorescenti ogni volta che guardo un suo video.

Fulvia di tutto questo non sa niente ma rimane lo stesso mia amica, non ci caghiamo, ma siamo amici. Insomma se apro la home adesso non c’è più Fulvia, però vedo che qualcuno ha pubblicato il gruppo con la ragazza con le tette più sode al mondo, con tanto di commenti di ragazzi che sotto un falso account femminile, invitano le altre ragazze a gareggiare: «guardate queste!cosa ne pensate?». Una gara seno a seno. Ignoro anche questo gruppo, ma ho ricevuto l’invito a iscrivermi a quello dei fans del reggiseno: «è come un governo: separa la destra dalla sinistra, sostiene la massa e attira il popolo».

Su facebook mentre ti disfai delle minchiate, diventi fan di Enrico Berlinguer, di Peppino Impastato, di Papi. È tutto un susseguirsi di notizie, informazioni che è come se si trovassero in un fiume, ma non di acqua, di spazzatura.

Anche se non guardi la tv, su facebook puoi vedere, o quasi, la serie tv che ha sconfitto il suo stesso padrone, “L’onore e il rispetto”. Una frase dopo l’altra, affianca Gabriel Garko quasi nudo: «l’onore e il rispetto: due regole fondamentali», «l’amicizia,la famiglia: valori da rispettare». Per non parlare del Capo dei capi.

Intanto vedo chi è l’amico del giorno di Francesco, è Luca, mentre Paolo è il peggior nemico di Silvia.

Fulvio Abbate, ancora non sono in grado di rispondere precisamente alla tua domanda. Forse.

Ah! Quasi dimenticavo di taggarti in questo post!

Pubblicato da

Damiano Zito

Ingegnere Elettrico e Dottore di Ricerca. Appassionato di tecnologia ed utente Android. Ho vissuto 10 anni a Roma. Su questo blog ho riversato pensieri, opinioni, collaborazioni ed esperienze personali. Quello che leggi può essere stato scritto ormai qualche anno fa.

Un pensiero su “FACEBOOK: L'AMICIZIA, I GRUPPI E STRONZATE VARIE”

  1. penso che dipenda sempre dall’uso che se ne fa. di quali sono le nostre aspettative. di quanto bisogno abbiamo di “giocare”. o di tuffarci in un mondo che sia il più lontano possibile da quello reale. penso…

Lascia un commento