Le false notizie del Giornale su Sonia Alfano alias “signora idv”

sonialfano

Con un articolo di ieri, venerdì 9 ottobre 2009, il Giornale accusa Sonia Alfano di aver taciuto ed essersi girata dall’altra parte prima del disastro di Messina. Nell’articolo vengono riportati stralci della biografia della Alfano. Paola Setti, autrice dell’articolo, scrive che «in quella regione ha lavorato dal 15 gennaio 1995 fino all’elezione a Strasburgo nel giugno scorso. E mica stava in un ufficio qualunque, Sonia Alfano. Dipartimento di Protezione civile che fra i ruoli dell’ufficio indica anche la previsione e prevenzione dei rischi».

Sonia Alfano possiede la qualifica di disaster manager ed è coordinatrice di soccorsi in emergenze e dall’articolo la giornalista Setti attibuisce alla neo-eurodeputata dell’italia dei valori la colpa del disastro avvenuto giorni fa nel messinese. Peccato però che alcune informazioni riportate dal Giornale per attribuire le responsabilità alla Alfano sono false, infatti basta fare un giro sul sito del dipartimento della protezione civile siciliana per verificare le competenze dell’eurodeputata.

Non sono riuscito a raggiungere al telefono gli interessati ma riporto qualche informazione più completa. Il dirigente generale del dipartimento è l’ing. Salvatore Cocina, mentre per quanto riguarda la provincia di Messina il responsabile è l’ing. Bruno Manfrè. La “signora” Alfano invece è funzionario del dipartimento con competenze nella provincia di Palermo e non di Messina come vorrebbe far credere il Giornale. L’altra notizia falsa è che la Alfano non lavora dal 1995 nel dipartimento bensì dal 1 aprile 1999.

È la stessa eurodeputata che ribatte dalla sua pagina di facebook dove fa sapere che ha già sporto querela e aggiunge: «andate a cercare le responsabilità in chi ha gestito e doveva gestire i soldi. Non ho paura dei vigliacchi e dei loro mandanti politico-mafiosi»

Infangare Sonia Alfano per il disastro dovuto all’alluvione di questi giorni è un gioco davvero molto sporco specie se il Giornale ha usato il fango che ha travolto le vittime messinesi.

Pubblicato da

Damiano Zito

PhD Student e Ingegnere Elettrico. Blogger su il Fatto Quotidiano. Appassionato di tecnologia ed utente Android. Attualmente vivo a Roma. Sul mio blog riverso pensieri, opinioni, collaborazioni e quando capita anche esperienze personali. Mi piacciono la cucina e i vini italiani.

7 pensieri su “Le false notizie del Giornale su Sonia Alfano alias “signora idv””

  1. Il problema purtroppo è ben più grave: che il Giornale pubblichi schifezze del genere è noto, ma la cosa più dura da digerire è che nessun altro quotidiano si impegni a smentirlo! Il 50% della gente che legge il Giornale legge anche il Corriere di solito, quindi magari un barlume di dubbio potrebbero farglielo venire… Che amaro…

  2. Il Giornale è il principale quotidiano italiano a veder negata la propria libertà di stampa.
    bisogna capirli…
    sono costretti a scrivere solo quello che gli ordina il padrone!

  3. Hanno emanato leggi contro la prostituzione mentre …………… hanno emanato leggi contro la mala vita ed hanno approvato lo scudo fiscale e tant’altro. Non possono che sviare l’opinione pubblica con false notizie. In un anno e poco più hanno dovuto affrontare il picco della crisi, il terremoto dell’Abruzzo, l’alluvione di Messina ma niente niente sono loro a portar sfortuna?

  4. Il giornalista che professa il VERO giornalismo, pubblica notizie serie, vere, confermate, attenendosi sempre ad un’etica che è la garanzia della sua professionalità. Tutto ciò, non è, lo “scendiletto” Feltri, che si vende (e non è la prima volta) per un pugno di denari……

  5. …sono patetici, tutto quello che possono fare e “infangare” l’integrità di persone serie e oneste che si battono per la giustizia……..Feltri & co. rappresentano tutto quello che mi disgusta di più al mondo, sono serpenti che strisciano……..
    Seguivo questa mattina i funerali alle vittime dell’alluvione di Messina, la carellata di rappresentanti politici mi ha altrettanto disgustato, l’onorevole Alfano con la faccia tra le mani per gran parte del tempo, pretendendo di essere disperatoe distrutto dal dolore, il Bertolaso commosso e lo “psicopatico” in una sorta di dormiveglia, non fregava assolutamente niente a nessuno di questi, facevano finta, gli si leggeva nel viso. Tutti li, in ordine, imbelletati, “proprio loro”…che sono complici di leggi incostituzionai, sconti fiscali alle mafie e politici corrotti, che hanno creato leggi per impedire indagini e quindi intercettazioni, sugli stessi mafio-politici che hanno tolto “gli stessi” finanziamenti di supporto previsti alla stessa povera gente “adesso” dentro quelle bare. Allora perchè occupano le prime file in quella chiesa? Non vogliamo essere rappresentati da loro, NON LI VOGLIAMO, a noi ci rappresentano quelle famiglie distrutte NON LORO!

Lascia un commento