Aiutiamo Daniele: Ha solo 2 anni e per salvarlo servono 250 mila euro per la ricerca

Daniele_Amanti

Il bimbo che vedete nella foto si chiama Daniele Amanti, ha solo 2 anni, ne deve compiere 3 e ha una particolare mutazione genetica cha ha causato una distrofia muscolare che la rende l’unico caso registrato al mondo in letteratura medica. Per salvarlo, servono una ricerca specifica e 250 mila euro che i genitori stanno già cercando di raccogliere attraverso la Onlus Parent Project , associazione internazionale che assiste le famiglie di bambini malati. Ho appena appreso questa storia dal Fatto Quotidiano (qui l’articolo di Luca Telese) e non sono riuscito a fare a meno di scrivere per sensibilizzare chi tra i miei amici e non, legge questo blog. I genitori di Daniele, Fabio ed Eliana sono nemici con il tempo da quando hanno saputo della malattia del bimbo e hanno iniziato a condurre la loro battaglia anche su internet, con un sito, ma sopratutto su facebook.

Una scrittrice, Cinzia Lacalamita, che ha perso sua figlia, ha conosciuto in rete la storia del piccolo Daniele a ha deciso di pubblicare un libro, Daniele. Storia di un bambino che spera (Aliberti, 11,90 euro). I genitori e Cinzia per rendere tutto trasparente, vogliono che i ricavi e i contriburi inviati, vadano alla Parent Project per sostenere la causa di Daniele.

PER CONTRIBUIRE:

Conto corrente postale n. 94255007, intestato a Parent Project Onlus – causale: Fondo Daniele Amanti;

Conto corrente Bancario – Banca di Credito Cooperativo di Roma – IBAN : IT 38V0832703219000000005775 intestato a Parent Project Onlus – causale: Fondo Daniele Amanti.

– Carta di credito – http://www.parentproject.org/italia/index.php?option=com_content&task=view&id=276&Itemid=36

Pubblicato da

Damiano Zito

PhD Student e Ingegnere Elettrico. Blogger su il Fatto Quotidiano. Appassionato di tecnologia ed utente Android. Attualmente vivo a Roma. Sul mio blog riverso pensieri, opinioni, collaborazioni e quando capita anche esperienze personali. Mi piacciono la cucina e i vini italiani.

Lascia un commento