La Rete NO PONTE organizza una manifestazione nazionale per il 19 Dicembre

Noponte_amantea(rosario rizzuto)

Il 19 dicembre si terrà a Villa San Giovanni una manifestazione nazionale organizzata dalla Rete NO PONTE insieme a movimenti, associazioni, partiti, comitati, sindacati e socialforum.

In Calabria si è ormai raggiunta «la consapevolezza di vivere sui terreni avvelenati». Al Governo viene chiesto di fermare i cantieri del ponte di cui – ricordano i “no pontisti” – «non solo non esiste ancora un progetto defifinitivo, ma nemmeno una valutazione accurata dell’elevato rischio sismico di un’area dove sono presenti numerose faglie, più o meno profonde, distribuite in tutte le direzioni».

Insomma il ponte «non serve al territorio e ai cittadini calabresi e siciliani», e sarebbe indispensabile che i soldi da destinare a quest’opera venissero dirottati per la messa in sicurezza e la ripulitura «dei mari e dei territori in cui le organizzazioni criminali hanno occultato le scorie tossiche e radioattive» e ancora per dotare queste aree di collegamenti.

L’appuntamento è fissato per il 19 dicembre, a Villa San Giovanni, dove in questi giorni si terrà una conferenza stampa in parallelo con Roma il prossimo 20 novembre (alle ore 11,00 presso la Casa delle Culture a Trastevere), per presentare la piattaforma.

All’appello hanno già aderito diversi artisti come Dario Vergassola, Vauro, Roy Paci, Andrea Rivera, Tetes de Bois ed Enrico Capuano.

Link:

http://www.retenoponte.it

Adesioni:

adesioni@retenoponte.it

artisti@retenoponte.it

Foto: Rosario Rizzuto

Pubblicato da

Damiano Zito

Ingegnere Elettrico e Dottore di Ricerca. Appassionato di tecnologia ed utente Android. Ho vissuto 10 anni a Roma. Su questo blog ho riversato pensieri, opinioni, collaborazioni ed esperienze personali. Quello che leggi può essere stato scritto ormai qualche anno fa.

2 pensieri su “La Rete NO PONTE organizza una manifestazione nazionale per il 19 Dicembre”

  1. Abbiamo una Costituzone da difendere ma anche da modificare,dato che quando fu elaborata,1945 e il 1947,rifretteva le condizioni di un paese che oggi è profondamente cambiato.La costituzione la si può modificare salvagurdando i principi fondamentali.pittore antimafia Gaetano Porcasi

Lascia un commento