Elezioni regionali, il j’accuse del Pd a Davide Bono

Queste elezioni regionali sono state davvero un terremoto. Nel post precedente parlavo di un Pd da riformatorio.

Enrico Letta esponente del Partito Democratico, nipote di Gianni Letta attuale sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, tutto sommato è soddisfatto dell’esito delle elezioni. Basta aver partecipato, non è importante il fatto che il Pd perde colpi e regioni. L’importante è essere «competitivi in quasi tutte le regioni».

Salvo poi scaricare agli altri la eventuale sconfitta elettorale, come nel caso del Piemonte.

Quello che viene dato per scontato è che gli elettori di Davide Bono siano tutti di centrodestra. Non è da escludere, e anche se fosse così non si fa davvero molta fatica a capire il ragionamento di Letta o della stessa Mercedes Bresso che se la prende con Bono. Qualcuno, per rimanere in tema di sport dopo, ha detto che è come se una squadra se la prendesse con l’arbitro quando perde una partita giocata male. Azzeccato come paragone, non credete?

Chi segue il mio blog ha letto del mio comune di residenza, Rizziconi, dove si è andati a votare con una sola lista. I cittadini hanno manifestato il loro sdegno annullando e lasciando bianche molte schede, al punto che i voti con cui il sindaco plebiscitario è arrivato ad assumere tale carica corrispondono ad una percentuale del 45 per cento.

In Piemonte la scelta era fra tre candidati. Bresso (candidata uscente), Cota e Bono. I primi due sempre presenti in tv, l’altro invece esce fuori dal virtuale e si accaparra 90 mila preferenze.

Quanto tempo dovrà ancora passare perché in questo Paese si sdogani internet come mezzo di comunicazione utile anche per fare campagna elettorale?
[ad name=”468×60″]
httpv://www.youtube.com/watch?v=5MGCFwzRHDE

Pubblicato da

Damiano Zito

PhD Student e Ingegnere Elettrico. Blogger su il Fatto Quotidiano. Appassionato di tecnologia ed utente Android. Attualmente vivo a Roma. Sul mio blog riverso pensieri, opinioni, collaborazioni e quando capita anche esperienze personali. Mi piacciono la cucina e i vini italiani.

Lascia un commento