Scusate se mi contraddico

Ricordo che quando Beppe Grillo indisse i referendum dei V-day tra i quesiti vi era quello di eliminare l’ordine dei giornalisti. Secondo Grillo infatti oggi chiunque può essere giornalista, con un blog, un account Youtube, una telecamerina e un po’ di impegno.

Ho partecipato ai V-day mettendo le firme in ogni quesito. Per un periodo però cambiai idea sul concetto di «tutti possono essere giornalisti» perché sul web si trovano un mucchio di bufale e notizie patacca.

Ora mi contraddico di nuovo. Evidentemente non sono d’accordo nemmeno con me stesso, il che non mi dispiace perché sono pur sempre mie idee. Le valuto e le rivaluto e quando necessario dico di aver cambiato le mie posizioni. Chiunque può essere giornalista. Il problema sta per come e cosa si intende per giornalista in Italia.

E veniamo quindi alla legge bavaglio. Per quanto mi riguarda un blogger e un giornalista devono rispondere agli stessi doveri. Se scrivo una boiata devo rettificarla, in tempi ragionevoli, sia chiaro. La differenza tra un giornale e un blog sta proprio in questo. Il giornale ha un direttore, redattori, vice-redattori, giornalisti, quindi più energia di un blogger che nello stesso tempo gestisce il suo sito web, decide che notizie pubblicare e le scrive. Tre in un uno.

La legge sulle intercettazioni (ddl Alfano) sottopone i blogger agli stessi doveri dei giornalisti con l’obbligo di rettifica. Il paradosso – come scrive Alessandro Gilioli – sta nel fatto che con il cosiddetto emendamento D’Addario solo il giornalista minuto di tesserino può registrare conversazione ai fini di cronaca. Per gli altri è vietato. In sostanza nella stessa legge il legislatore ci dice che blogger e giornalisti devo attenersi alla medesima legge sulla stampa nonostante – sempre secondo il ddl Alfano – le due siano categorie completamente “diverse”.

Foto by [m-c Flickr]

Pubblicato da

Damiano Zito

Ingegnere Elettrico e Dottore di Ricerca. Appassionato di tecnologia ed utente Android. Ho vissuto 10 anni a Roma. Su questo blog ho riversato pensieri, opinioni, collaborazioni ed esperienze personali. Quello che leggi può essere stato scritto ormai qualche anno fa.

Un pensiero su “Scusate se mi contraddico”

Lascia un commento