Ddl Gelmini, le contraddizioni di una protesta

Il ddl Gelmini è tenuto momentaneamente nel cassetto in attesa di conoscere l’esito della fiducia al Governo.

Le proteste – condivisibili – continuano e spesso mettono in contraddizione il bisogno di terminare al più presto gli studi con quello di avere certezze sul futuro e non passa giorno dentro le nostre facoltà in cui non ci si chiede se quel corso o l’altro sarà attivato per il prossimo semestre. Per continuare la lettura siete rimandati al post sul fattoquotidiano.it

Pubblicato da

Damiano Zito

PhD Student e Ingegnere Elettrico. Blogger su il Fatto Quotidiano. Appassionato di tecnologia ed utente Android. Attualmente vivo a Roma. Sul mio blog riverso pensieri, opinioni, collaborazioni e quando capita anche esperienze personali. Mi piacciono la cucina e i vini italiani.

Lascia un commento