Il ritorno della Gelmini

Il ministro Gelmini è tornato in tv dopo un lungo periodo di lontananza. La sua impopolarità non avrebbe aiutato il Governo che si trova(va) in una fase difficile e delicata. Ora che la sua riforma sull’università è stata approvata sembra che i dissidi tra il ministro dell’Istruzione e il premier Berlusconi per via dei tagli alle spese dei ministeri attuati da Tremonti, siano terminati.

Il malumore rimane sicuramente fra B. e il suo ministro dell’economia che va dicendo in giro cose opposte al premier sulla crisi economica.

Ma dopo la scorsa puntata di Ballarò con la Gelmini in forma smagliante possiamo dimenticare tutte quelle cose lette sui giornali quando la Prestigiacomo, la Carfagna e la Gelmini venivano dare ormai fuori dal Governo o comunque pronte ad uscire dal Pdl insieme al ministro della Giustizia Angelino Alfano.

Ebbene dopo la retromarcia del ministro per le pari opportunità, del ministro dell’ambiente, anche la Gelmini sembra aver fatto ritorno fra le braccia del premier, come Alfano che prima di lasciarci per le vacanze natalizie era apparso anch’egli a Ballarò al posto dei soliti Lupi o Santanché.

Ricuciti i rapporti con i suddetti ora tocca capire chi sono i fantomatici “responsabili” che entreranno a far parte della maggioranza di Governo.

Pubblicato da

Damiano Zito

Ingegnere Elettrico e Dottore di Ricerca. Appassionato di tecnologia ed utente Android. Ho vissuto 10 anni a Roma. Su questo blog ho riversato pensieri, opinioni, collaborazioni ed esperienze personali. Quello che leggi può essere stato scritto ormai qualche anno fa.

Lascia un commento